CALENDARIO MOSTRE

Apr
11
gio
2019
Days of Night – Nights of Day – Elena Chernyshova @ C|E Contemporary
Apr 11–Ott 5 giorno intero
Days of Night – Nights of Day - Elena Chernyshova @ C|E Contemporary

Elena Chernyshova

Days of Night – Nights of Day

a cura di/by Christine Enrile

11 aprile/5 ottobre

 

C|E Contemporary

Via Tiraboschi 2/76 – 02.45483822/348.9031514

martedì-sabato/from Tuesday to Saturday 9/13-15/19, giovedì/Thursday 10/13-15/20

 

www.cecontemporary.com

gallery@cecontemporary.com

 

Come arrivare/How to get there: M3 P.ta Romana – Bus 62

 

Un viaggio in bicicletta di 30.000 km, 26 paesi, la voglia di entrare in contatto con culture diverse, genti lontane e condizioni di vita estrema. Sono queste le principali caratteristiche della prima personale italiana della fotografa russa Elena Chernyshova. In particolare, di questo immenso reportage, la mostra si focalizza sulla città siberiana di Norilsk e sulla capacità di adattamento umana in condizioni di isolamento, disastri ecologici e clima estremo. Norilsk è infatti una delle dieci città più inquinate al mondo, condizione che influisce sull’ambiente e sulla salute della popolazione.

A 30,000km journey by bike, 26 countries, the desire to get in touch with different cultures, distant people and extreme living conditions. These are the main characteristics of the first Italian personal exhibition of the Russian photographer Elena Chernyshova. In particular, from her immense reportage, the exhibition focuses on the Siberian city of Norilsk and on the capacity of humans to adapt in conditions of isolation, ecological disasters and extreme climate. Norilsk is in fact one of the ten most polluted cities in the world, a condition that affects the environment and the health of the population.

Mag
8
mer
2019
Magnum’s First @ Museo Diocesano Carlo Maria Martini
Mag 8–Ott 6 giorno intero
Magnum’s First @ Museo Diocesano Carlo Maria Martini

AA.VV.

Magnum’s First

La prima mostra di Magnum
a cura di Andréa Holzherr

 

8 maggio/6 ottobre

inaugurazione/opening 7 maggio h 19.00

 

 

Museo Diocesano Carlo Maria Martini

Piazza S.Eustorgio – 02.89420019

martedì-domenica//from Tuesday toSunday 10-18

ingresso intero/full prize ticket 8 €, ridotto/reduced 6 €

 

www.chiostrisanteustorgio.it

info@musediocesano.it

 

Come arrivare/How to get there: M2 S.Ambrogio – Tram 3,9

 

In mostra un patrimonio di immagini casualmente ritrovato nel 2006 a Innsbruck. 83 stampe realizzate da mostri sacri della fotografia come Henri Cartier-Bresson, Marc Riboud, Inge Morath, Jean Marquis, Werner Bischof, Ernst Haas, Robert Capa e Erich Lessing, destinate a essere esposte nel 1956 in cinque città austriache e poi andate perdute. Si possono così ammirare le immagini pensate esattamente per l’esposizione al pubblico austriaco di oltre sessant’anni fa.

On display is a collection of images found by chance in 2006 in Innsbruck. 83 prints by masters of photography such as Henri Cartier-Bresson, Marc Riboud, Inge Morath, Jean Marquis, Werner Bischof, Ernst Haas, Robert Capa and Erich Lessing, destined to be exhibited in 1956 in five Austrian cities and then lost. One can admire the images exactly as they were thought out for the Austrian public exhibition more than sixty years ago.

Mag
16
gio
2019
Materica/Materical – Lia Stein @ Hotel Nhow
Mag 16–Ott 31 giorno intero
Materica/Materical - Lia Stein @ Hotel Nhow

Lia Stein

Materica/Materical

a cura di/by Elisabetta Scantamburlo

 

16 maggio/31 ottobre

inaugurazione/opening 16 maggio h 19

 

Hotel Nhow

Via Tortona 35 – 02.4898861

lunedì-domenica/from Monday to Sunday 10-22

 

www.nh-hotels.com/hotel/nhow-milano

www.liastein.it

artnhow@nh-hotels.com

IG liasteinphoto

 

Come arrivare/How to get there: M2 P.ta Genova – Tram 2, 14 – Bus 68

 

Matericamente è un gioco di parole le cui protagoniste sono la città di Matera e la materia intesa come plasticità. Quelle di Lia Stein sono fotografie realizzate alcuni anni fa e rese ancor più attuali dalla recente attenzione di cui la città di Matera è in questo momento oggetto. Due sono i piani di azione di queste immagini: da un lato si nota un modo diverso di concepire lo spazio urbano di Matera, dall’altro si vede come la fotografia sappia rapportarsi con la materia non limitandosi alla ripresa ma facendone propria la plasticità fino ad assimilarla con esiti sorprendenti.

‘Materical’ is a play on words whose protagonists are the city of Matera and matter understood as plasticity. Lia Stein’s photographs were taken a few years ago and are made even more relevant by the recent attention paid to the city of Matera at this time. There are two action plans in these images: on the one hand we can see a different way of conceiving the urban space of Matera, on the other we can see how photography can relate to matter not only by shooting it but also by making its plasticity its own until it assimilates it with surprising results.